domenica 20 agosto 2017

Grammomania: attacco THM Tibia e freno THM Fibula alla pesa

La tedesca THM, che si è fusa con l'italiana 3T, presenta la nuova versione dei freni Fibula, ora compatibili con cerchi più larghi. Si possono usare con sezione larghe da 19 a 30 mm. Saluti ciclistici. 


Ingrassaggio cuscinetti dei pedali Speedplay

I pedali/tacchette Speedplay Zero,  sono i più longevi, sia per i materiali utilizzati per la costruzione (non è utilizzato il composito, il quale si logora facilmente per lo sfregamento, tra la piattaforma del pedale e la racchetta, oltre a generare fastidiosi rumori), sia perché possono essere manutenuti, con ricambi originali, e l'ingrassaggio dei cuscinetti, a differenza degli altri pedali che invece sono sigillati. In particolare, i cuscinetti interni degli Speedplay, oltre alla possibilità di essere sostituiti, possono essere lubrificati, con l'uso della pistola Speedplay ( costo 40€ più 21 € per la ricarica di grasso). In alternativa, c'è la possibilità di recarsi presso un meccanico munito del predetto utensile, oppure per mettere il grasso all'interno del pedale, dove sono alloggiati i cuscinetti, si può ricorrere ad un metodo più artigianale, ma altrettanto efficace. Questo. Si svita comunque  la piccola vite a croce, inserita nella parte laterale ed esterna del pedale, con un normale cacciavite a stella; si riempie parzialmente, una siringa comune con il grasso idrorepellente ( io uso CLICCA QUI), e si inserisce la punta della siringa, senza ago, nel foro laterale. Si inietta il grasso all'interno del pedale, fino a vedere uscire dalla parte opposta, il grasso vecchio ( lo si riconosce perché è di colore molto scuro), e si continuare a spingere lo stantuffo della siringa, fino a quando non uscirà quello nuovo. A quel punto, l'operazione di ingrassaggio è conclusa. La lubrificazione del pedale Speedplay va eseguita regolarmente, oggi 3000 km oppure ogni 3 mesi e soprattutto quando i pedali girano facilmente, cioè senza alcuna resistenza oppure quando si avverte una sensazione di attrito, e ciò è a causa proprio dell'assenza di grasso nei cuscinetti; il pedale ingrassato, invece rotea molto lentamente e comunque si avverte una certa resistenza. Ricordo che va applicato dell'olio Speedplay oppure quello secco ( Non è adatto l'olio della catena e il W4), sulle estremità dell'anello delle tacchette, per migliorare la prestazione e ridurre l'usura. 
Per il  mio test sui Speedplay Zero Titanium CLICCA QUI
Saluti ciclistici. 

L'ingrassaggio dei Speedplay Zero Titanium 


venerdì 11 agosto 2017

La Divina Commedia si impara sullo Zoncolan !!!

La Divina Commedia si impara e si "vive" anche pedalando sullo Zoncolan 😉🚵🏻. Lo scrivo dopo avere pedalato, in quello che definisco, la migliore rappresentazione del "girone infernale" dantesco. Come è noto, nel canto terzo dedicato all'Inferno della Divina Commedia, Dante scrive: PER ME SI VA NELLA CITTA' DOLENTE, PER ME SI VA NELL'ETERNO DOLORE, PER ME SI VA TRA LA PERDUTA GENTE. GIUSTIZIA MOSSE IL MIO ALTO FATTORE : FECEMI LA DIVINA POTESTATE, LA SOMMA SAPIENZA E' IL PRIMO AMORE. DINANZI A ME NON FUOR COSE CREATE SE NON ETTERNE, E IO ETTERNA DURO. LASCIATE OGNI SPERANZA, VOI CH'ENTRATE. Queste secondo Dante erano le parole scritte sulla porta dell'Inferno. E il sommo poeta continua con il dialogo avuto con Virgilio che lo accompagnava nella visita: "Queste parole di colore oscuro vid'o scritte al sommo di una porta per ch'io:- Maestro, il senso lor m'è duro.- Ed elli a me, come persona accorta: - Qui si convien lasciare ogni sospetto; ogni viltà convien che qui sia morta. " Insomma Virgilio spiega a Dante che quello è il punto dove si deve lasciare ogni esitazione, timore e soprattutto consiglia gli ignavi a farsi da parte. Mai più felice fu l'accostamento, che la gente del posto ha fatto tra lo Zoncolan e questa ouverture dell'Inferno di Dante. Quelle parole scritte sui muri delle abitazioni, sono state scritte anche a monito dei ciclisti, sulla falsariga delle alte parole della Divina Commedia. E si legge : " LASCIATE OGNI SPERANZA O VOI CHE ENTRATE." E poi su quelli di un altra : " QUI SI VA SULLA SALITA DOLENTE QUI SI VA NELL'ETERNO DOLORE." Credete che abbiano esagerato ? Provate per credere.  Saluti ciclistici.